- Dona con amore, torna l'appuntamento con la donazione del sangue nel giorno di S.Valentino - Il cantiere Porta Ovest a Salerno di nuovo sotto sequestro. Il punto con Spinelli (Feneal Uil) - Salernitani nel Mondo: l’ingegnere Carlo Iorio da Bruxelles difende il Pomodoro San Marzano - Calcio: le ultime novita' delle squadre campane di calcio (AUDIO) - Il Ministero conferma i finanziamenti per Porta Ovest. Sollievo al Comune - Mancata depurazione in Costa D'Amalfi, parla Alfonso Del Pizzo uno dei 9 indagati - Rocco Cimino a Radio Alfa 'questa pagina politica è un'offesa al popolo di Teggiano' - A San Marzano sul Sarno un terzo degli elettori tornera' alle urne. Ascolta l'intervista al sindaco - Porta Ovest, i lavori ripartiranno tra due settimane. Vertice in Prefettura - Dissesto finanziario scongiurato a Pagani. per il sindaco Bottone 'una giornata storica'
sabato 13/02/2016 ore 01:21
:. Cultura .:

martedì 01 maggio 2012 - 11:46
Agropoli (SA) - Ritrovate due lettere autografe di San Giuseppe Moscati

   


Eccezionale ritrovamento ad Agropoli. L'editore Ernesto Apicella ha scoperto due lettere autografe di San Giuseppe Moscati (in una foto giovanile) che attestano la sua presenza ad Agropoli. Le due “reliquie” sono state ritrovate da Ernesto Apicella in un palazzo antico situato nel borgo antico di Agropoli. Due lettere preziosissime che documentano l’amicizia tra San Giuseppe Moscati e il dottor Amedeo Di Sergio. Nella prima, scritta il 16 Marzo 1923, San Giuseppe Moscati ringrazia l'amico per l’ottima accoglienza ricevuta ad Agropoli. La seconda, scritta a giugno di due anni dopo, annuncia il suo imminente arrivo ad Agropoli per curare il fratello di Amedeo, Francesco Di Sergio per 21 anni sindaco di Agropoli, molto ammalato. Nella lettera, quasi un presagio, si legge che “vi è un Medico al di sopra di noi: Iddio! Di Cui domani è la festa Eucaristica. Vi prego di non privare vostro fratello di questa medicina (che è la S.Comunione)”. Il giorno successivo, l'11 Giugno, Corpus Domini, Francesco Di Sergio morì serenamente tra le braccia di San Giuseppe Moscati. Un ritrovamente prezioso dal punto di vista sia religioso che storico per la città di Agropoli. Amedeo Di Sergio, in base alle ricerche di Ernesto Apicella, fu allievo di Giuseppe Moscati che laureatosi giovanissimo fu subito nominato docente. E' probabile che in quegli anni, il “medico” Giuseppe Moscati frequentasse molto Agropoli e in particolare i poveri ammalati del borgo. San Giuseppe Moscati morì improvvisamente il 15 aprile1927, a soli 47 anni. Dopo otto anni, sempre il 15 aprile si svolsero i funerali di Amedeo Di Sergio, morto anche lui all’improvviso.

Autore: Ersilia Gillio scrivi alla redazione


 

Lascia un commento

L'area commenti offre la possibilità di esprimere la propria opinione sui vari argomenti pubblicati.
Affinchè tutto ciò avvenga nel pieno rispetto del vivere civile e del buon senso, ogni commento inviato verrà pubblicato previa approvazione.
Pertanto l’invio di commenti che non rispettano questa politica, verranno prontamente eliminati.


(non verrà pubblicata)

Come misura di sicurezza nei confronti dei messaggi di spam automatici, inserisci per favore nel seguente campo la parola che compare nell'immagine:


Salernitani nel Mondo: l’ingegnere Carlo Iorio da Bruxelles difende il Pomodoro San Marzano

Salernitani nel Mondo: la difesa del pomodoro San Marzano vista da Bruxelles con Carlo Iorio

Olio extravergine d'oliva di Sassano DECO. Intervista al sindaco Tommaso Pellegrino

Convegno su scuola e turismo domani 6 febbraio all'ITT di Montesano

Salernitani nel Mondo: cura dei tumori, la scoperta del prof. Alfonso Bellacosa ospite a Radio Alfa

Salernitani nel Mondo: il prof Alfonso Bellacosa ci spiega la sua scoperta per la cura dei tumori

Turismo, scuola e lavoro al centro di un convegno sabato 6 febbraio all'ITT di Montesano

L'amore secondo Giuseppe Tornatore. Il regista ospite oggi all'Università di Salerno. Riascolta qui

Salernitani nel Mondo: emigrazione campano-lucana, Fabio Ragone ci racconta recenti curiosità

Giornata della Memoria, riflessioni e considerazioni con il prof. Carmine Pinto di UNISA