- Salernitani nel Mondo: Valentino Di Brizzi uomo dell’anno 2016 a New York - Stop finanziamenti sagre di paese, Michele Albanese (BCC Monte Pruno) 'EPT ente inutile' - Stupro a San Valentino Torio. Il commento della direttrice del carcere di Vallo della Lucania - Dal 1 luglio al 31 agosto servizi di assistenza sanitaria a Capaccio e sulla Litoranea Pontecagnano - Il Radiosurgery Center di Agropoli proseguirà le attività. Le rassicurazioni del sindaco Alfieri - Stupro a San Valentino Torio, il GIP convalida l'arresto per quattro dei cinque giovani - Cantiere Porta Ovest a Salerno, a settembre ripartono i lavori a pieno ritmo - Salernitana, Paganese, serie D, ComunGoal. Tutte le news sportive di Radio Alfa - Vediamoci chiaro: Brexit, le conseguenze per l’Italia - Il bosco come risorsa per lo sviluppo sostenibile delle aree interne, se ne discute a Sanza
giovedì 30/06/2016 ore 05:02
:. Cultura .:

martedì 01 maggio 2012 - 11:46
Agropoli (SA) - Ritrovate due lettere autografe di San Giuseppe Moscati

   


Eccezionale ritrovamento ad Agropoli. L'editore Ernesto Apicella ha scoperto due lettere autografe di San Giuseppe Moscati (in una foto giovanile) che attestano la sua presenza ad Agropoli. Le due “reliquie” sono state ritrovate da Ernesto Apicella in un palazzo antico situato nel borgo antico di Agropoli. Due lettere preziosissime che documentano l’amicizia tra San Giuseppe Moscati e il dottor Amedeo Di Sergio. Nella prima, scritta il 16 Marzo 1923, San Giuseppe Moscati ringrazia l'amico per l’ottima accoglienza ricevuta ad Agropoli. La seconda, scritta a giugno di due anni dopo, annuncia il suo imminente arrivo ad Agropoli per curare il fratello di Amedeo, Francesco Di Sergio per 21 anni sindaco di Agropoli, molto ammalato. Nella lettera, quasi un presagio, si legge che “vi è un Medico al di sopra di noi: Iddio! Di Cui domani è la festa Eucaristica. Vi prego di non privare vostro fratello di questa medicina (che è la S.Comunione)”. Il giorno successivo, l'11 Giugno, Corpus Domini, Francesco Di Sergio morì serenamente tra le braccia di San Giuseppe Moscati. Un ritrovamente prezioso dal punto di vista sia religioso che storico per la città di Agropoli. Amedeo Di Sergio, in base alle ricerche di Ernesto Apicella, fu allievo di Giuseppe Moscati che laureatosi giovanissimo fu subito nominato docente. E' probabile che in quegli anni, il “medico” Giuseppe Moscati frequentasse molto Agropoli e in particolare i poveri ammalati del borgo. San Giuseppe Moscati morì improvvisamente il 15 aprile1927, a soli 47 anni. Dopo otto anni, sempre il 15 aprile si svolsero i funerali di Amedeo Di Sergio, morto anche lui all’improvviso.

Autore: Ersilia Gillio scrivi alla redazione


 

Lascia un commento

L'area commenti offre la possibilità di esprimere la propria opinione sui vari argomenti pubblicati.
Affinchè tutto ciò avvenga nel pieno rispetto del vivere civile e del buon senso, ogni commento inviato verrà pubblicato previa approvazione.
Pertanto l’invio di commenti che non rispettano questa politica, verranno prontamente eliminati.


(non verrà pubblicata)

Come misura di sicurezza nei confronti dei messaggi di spam automatici, inserisci per favore nel seguente campo la parola che compare nell'immagine:


Salernitani nel Mondo: Valentino Di Brizzi uomo dell’anno 2016 a New York

Cultura e alimentazione, necessaria una pedagogia della Dieta Mediterranea secondo Marino Niola

Al via la formazione degli artisti nell'ambito di Art House

Salernitani nel Mondo: infermiera professionale in Germania, la storia di Giusy Fusco

Torna dal prossimo fine settimana la suggestione della Ballata del Brigante alle falde del Cervati

Importante rivista giapponese di architettura si sta occupando della Stazione marittima di Salerno

'Salerno, città di Matteo', oggi la presentazione del libro curato dalla scuola Lanzalone

Salernitani nel Mondo: dalla Germania la storia della giovane infermiera Giusy Fusco

Mercoledì all'Università di Salerno si presenta il nuovo corso in Gestione Risorse Agrarie

A Roscigno si parla di integrazione e immigrazione nella 'Giornata Mondiale del Rifugiato'