- Enzo Barbato, ex portiere salernitano, si risveglia dal coma e il primo pensiero va al papa' - Incendio a pochi passi dal Parco Archeologico di Elea Velia - Processo Sea Park a Salerno, assolti Vincenzo De Luca e 41 imputati - Domani all'Universita' di Salerno l'incontro Leadership femminile e cittadinanza attiva - Piano casa a Salerno, saranno costruiti quasi 2mila nuovi appartamenti. Intervista a Lombardi - Oggi e domani la nave scuola Palinuro approda a Centola-Palinuro - Cinque neodiplomati meritevoli di Baronissi premiati con un viaggio a Bruxelles - L'1 e il 2 ottobre a Salerno il Consiglio Nazionale del Centro Sportivo Italiano - Produzione olio, nel Salernitano fino a -49% rispetto allo scorso anno - Operazione 'Mal comune' a Scafati. Il sindaco Aliberti, 'solo il 5% dipendenti infedeli'
venerdì 30/09/2016 ore 10:16
:. Cultura .:

martedì 01 maggio 2012 - 11:46
Agropoli (SA) - Ritrovate due lettere autografe di San Giuseppe Moscati

   


Eccezionale ritrovamento ad Agropoli. L'editore Ernesto Apicella ha scoperto due lettere autografe di San Giuseppe Moscati (in una foto giovanile) che attestano la sua presenza ad Agropoli. Le due “reliquie” sono state ritrovate da Ernesto Apicella in un palazzo antico situato nel borgo antico di Agropoli. Due lettere preziosissime che documentano l’amicizia tra San Giuseppe Moscati e il dottor Amedeo Di Sergio. Nella prima, scritta il 16 Marzo 1923, San Giuseppe Moscati ringrazia l'amico per l’ottima accoglienza ricevuta ad Agropoli. La seconda, scritta a giugno di due anni dopo, annuncia il suo imminente arrivo ad Agropoli per curare il fratello di Amedeo, Francesco Di Sergio per 21 anni sindaco di Agropoli, molto ammalato. Nella lettera, quasi un presagio, si legge che “vi è un Medico al di sopra di noi: Iddio! Di Cui domani è la festa Eucaristica. Vi prego di non privare vostro fratello di questa medicina (che è la S.Comunione)”. Il giorno successivo, l'11 Giugno, Corpus Domini, Francesco Di Sergio morì serenamente tra le braccia di San Giuseppe Moscati. Un ritrovamente prezioso dal punto di vista sia religioso che storico per la città di Agropoli. Amedeo Di Sergio, in base alle ricerche di Ernesto Apicella, fu allievo di Giuseppe Moscati che laureatosi giovanissimo fu subito nominato docente. E' probabile che in quegli anni, il “medico” Giuseppe Moscati frequentasse molto Agropoli e in particolare i poveri ammalati del borgo. San Giuseppe Moscati morì improvvisamente il 15 aprile1927, a soli 47 anni. Dopo otto anni, sempre il 15 aprile si svolsero i funerali di Amedeo Di Sergio, morto anche lui all’improvviso.

Autore: Ersilia Gillio scrivi alla redazione


 

Lascia un commento

L'area commenti offre la possibilità di esprimere la propria opinione sui vari argomenti pubblicati.
Affinchè tutto ciò avvenga nel pieno rispetto del vivere civile e del buon senso, ogni commento inviato verrà pubblicato previa approvazione.
Pertanto l’invio di commenti che non rispettano questa politica, verranno prontamente eliminati.


(non verrà pubblicata)

Come misura di sicurezza nei confronti dei messaggi di spam automatici, inserisci per favore nel seguente campo la parola che compare nell'immagine:


Domani all'Universita' di Salerno l'incontro Leadership femminile e cittadinanza attiva

La statua di Maria di Nazareth a Casal Velino il 30 di settembre

A Rofrano il campo di volontariato internazionale rurale. Ascolta le voci dei protagonisti

Salernitani nel Mondo: un salernitano guru dell’ospitalità a Miami; la storia di Nicola Siervo

Salernitani nel Mondo: il guru dell’ospitalità a Miami Nicola Siervo si racconta a Radio Alfa

DegustArte al parco dell'Irno dal 30 settembre. Arte da ammirare e da gustare

Campania by night, boom di presenze per il Parco archeologico di Paestum

Atrani 18esimo in Campania per investimenti in cultura

Universita' di Salerno eccellenza italiana, riascolta il parere degli studenti

L'Universita' di Salerno tra le top 400 della classifica di The Times