- La cantante salernitana Luna Palumbo presenta l'inedito 'Persi' su Radio Alfa (AUDIO) - La fotografia del Mezzogiorno d'Italia oggi ne L'Editoriale di Angelo Di Marino (AUDIO) - La Certosa di San Lorenzo a Padula, bilancio dei visitatori per la prima parte del 2015 (AUDIO) - La cultura investimento per la Campania, le parole di Claudio Gubitosi del GFF (AUDIO) - In Campania case di proprietà ma troppo vecchie. Settore in stagnazione (AUDIO) - Tragedia a Montesano sulla Marcellana, 36enne muore dopo la puntura di un insetto - Calcio: le ultime novita' delle squadre campane di calcio (AUDIO) - Il sabato del villaggio: ospite il sindaco di Ottati, Eduardo Doddato (AUDIO) - Arrestati due giovani pusher a Giffoni Sei Casali. Avevano 1200 dosi di stupefacente - Strage Capaci, iniziativa di Libera a Battipaglia (AUDIO)
lunedì 25/05/2015 ore 07:12
:. Cultura .:

martedì 01 maggio 2012 - 11:46
Agropoli (SA) - Ritrovate due lettere autografe di San Giuseppe Moscati

   

Eccezionale ritrovamento ad Agropoli. L'editore Ernesto Apicella ha scoperto due lettere autografe di San Giuseppe Moscati (in una foto giovanile) che attestano la sua presenza ad Agropoli. Le due “reliquie” sono state ritrovate da Ernesto Apicella in un palazzo antico situato nel borgo antico di Agropoli. Due lettere preziosissime che documentano l’amicizia tra San Giuseppe Moscati e il dottor Amedeo Di Sergio. Nella prima, scritta il 16 Marzo 1923, San Giuseppe Moscati ringrazia l'amico per l’ottima accoglienza ricevuta ad Agropoli. La seconda, scritta a giugno di due anni dopo, annuncia il suo imminente arrivo ad Agropoli per curare il fratello di Amedeo, Francesco Di Sergio per 21 anni sindaco di Agropoli, molto ammalato. Nella lettera, quasi un presagio, si legge che “vi è un Medico al di sopra di noi: Iddio! Di Cui domani è la festa Eucaristica. Vi prego di non privare vostro fratello di questa medicina (che è la S.Comunione)”. Il giorno successivo, l'11 Giugno, Corpus Domini, Francesco Di Sergio morì serenamente tra le braccia di San Giuseppe Moscati. Un ritrovamente prezioso dal punto di vista sia religioso che storico per la città di Agropoli. Amedeo Di Sergio, in base alle ricerche di Ernesto Apicella, fu allievo di Giuseppe Moscati che laureatosi giovanissimo fu subito nominato docente. E' probabile che in quegli anni, il “medico” Giuseppe Moscati frequentasse molto Agropoli e in particolare i poveri ammalati del borgo. San Giuseppe Moscati morì improvvisamente il 15 aprile1927, a soli 47 anni. Dopo otto anni, sempre il 15 aprile si svolsero i funerali di Amedeo Di Sergio, morto anche lui all’improvviso.

Autore: Ersilia Gillio scrivi alla redazione


 

Lascia un commento


(non verr pubblicata)

Come misura di sicurezza nei confronti dei messaggi di spam automatici, inserisci per favore nel seguente campo la parola che compare nell'immagine:


La Certosa di San Lorenzo a Padula, bilancio dei visitatori per la prima parte del 2015 (AUDIO)

La cultura investimento per la Campania, le parole di Claudio Gubitosi del GFF (AUDIO)

Salernitani nel Mondo: da Barcellona Fabio Ragone su prossime iniziative di Tanos (Audio-Video)

La BCC di Buonabitacolo ad Expo 2015 in sinergia con Radio Alfa e il Centro Studi Vassallo

Premio 'L'Ecologia: Ambiente e Natura', c'è anche un salernitano sul podio

Salernitani nel Mondo: Fabio Ragone su Tanos e prossime iniziative collegate all’emigrazione

Le malattie della tiroide in provincia di Salerno, l'imperativo è prevenire (AUDIO)

'Italiani portatori di pace nel mondo' il 2 giugno al Castello Macchiaroli di Teggiano

A Baronissi tree climber per curare i lecci ultracentenari della Villa Comunale

Salernitani nel mondo: l’ingegnere Carlo Iorio ci parla delle sue missioni in Africa (Audio-Video)