| 30/07 13:01 - Campania: Crollo del consumo di pesce azzurro. UeCoop e Coldiretti lanciano il miglio zero | 30/07 11:45 - S.Marzano sul Sarno: Violentava la figlia dopo averla drogata. Le accuse del PM | 30/07 11:33 - Fisciano: 26enne minaccia di morte il padre e ruba oro e auto | 30/07 11:29 - Salerno: Operai del CORISA bloccano Ostaglio. Costierma Amalfitana tra la spazzatura | 30/07 10:35 - Salerno: De Luca presenta il plastico del Fronte del Mare. Due ore di comizio | 29/07 17:33 - Battipaglia: Crolla una gru, nessun ferito | 29/07 17:20 - Salerno: venerdì la presentazione del Teatro dei Barbuti | 29/07 17:19 - Centola: Valiante chiede la riapertura dello sportello Poste Italiane di San Nicola | 29/07 17:04 - Contursi terme: Domani un convegno su un contratto per i fiumi Sele, Tanagro e Calore | 29/07 16:04 - Campania: Zanzare Tigre in aumento, +12% negli ultimi giorni di Luglio
mercoledì 30/07/2014 ore 15:07
:. Cultura .:

martedì 01 maggio 2012 - 11:46
Agropoli (SA) - Ritrovate due lettere autografe di San Giuseppe Moscati

   

Eccezionale ritrovamento ad Agropoli. L'editore Ernesto Apicella ha scoperto due lettere autografe di San Giuseppe Moscati (in una foto giovanile) che attestano la sua presenza ad Agropoli. Le due “reliquie” sono state ritrovate da Ernesto Apicella in un palazzo antico situato nel borgo antico di Agropoli. Due lettere preziosissime che documentano l’amicizia tra San Giuseppe Moscati e il dottor Amedeo Di Sergio. Nella prima, scritta il 16 Marzo 1923, San Giuseppe Moscati ringrazia l'amico per l’ottima accoglienza ricevuta ad Agropoli. La seconda, scritta a giugno di due anni dopo, annuncia il suo imminente arrivo ad Agropoli per curare il fratello di Amedeo, Francesco Di Sergio per 21 anni sindaco di Agropoli, molto ammalato. Nella lettera, quasi un presagio, si legge che “vi è un Medico al di sopra di noi: Iddio! Di Cui domani è la festa Eucaristica. Vi prego di non privare vostro fratello di questa medicina (che è la S.Comunione)”. Il giorno successivo, l'11 Giugno, Corpus Domini, Francesco Di Sergio morì serenamente tra le braccia di San Giuseppe Moscati. Un ritrovamente prezioso dal punto di vista sia religioso che storico per la città di Agropoli. Amedeo Di Sergio, in base alle ricerche di Ernesto Apicella, fu allievo di Giuseppe Moscati che laureatosi giovanissimo fu subito nominato docente. E' probabile che in quegli anni, il “medico” Giuseppe Moscati frequentasse molto Agropoli e in particolare i poveri ammalati del borgo. San Giuseppe Moscati morì improvvisamente il 15 aprile1927, a soli 47 anni. Dopo otto anni, sempre il 15 aprile si svolsero i funerali di Amedeo Di Sergio, morto anche lui all’improvviso.

Autore: Ersilia Gillio scrivi alla redazione


 

Lascia un commento


(non verrà pubblicata)

Come misura di sicurezza nei confronti dei messaggi di spam automatici, inserisci per favore nel seguente campo la parola che compare nell'immagine:


Costa D'Amalfi: nasce un nuovo megazine dedicato al turismo

Salerno: Fine Ramadam, cerimonia di chiusura sul lungomare

I Nostri Italiani nel Mondo: In Brasile con Silvana Sica

Castellabate: a “Libri meridionali” il libro sull’Afghanistan del medico Pauciulo

I Nostri Italiani nel Mondo: A Belo Horizonte per il dopo Mondiale 2014

Pollica: Manifesti per annunciare la nascita di bimba. Idea contro lo spopolamento

I Nostri Italiani nel Mondo: Tappa in Svizzera con il giornalista Salvatore Medici

I Nostri Italiani nel Mondo: I mondiali in Svizzera visti dal giornalista Salvatore Medici

Salerno: Il quartiere Carmine in festa. Alle 19 la solenne processione

Castellabate: domani al via Libri Meridionali Vetrina dell’Editoria del Sud

Area Riservata

Registrati per far parte di noi

username
password
Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter

email