Cesena-Salernitana, rimonta granata. Finisce 3-3

Non basta, con la Salernitana attuale, giocare in casa, essere in vantaggio di due goal e con un uomo in più: i granata, a Cesena, sfiorano il colpaccio dopo aver compiuto una nuova rimonta. Al 21′ della ripresa, dopo aver fallito un goal clamoroso, la squadra di Bollini si ritrova sotto per 3 a 1 e pochi minuti dopo anche in dieci uomini: roba da stendere il morale di quasi tutte le squadre. 

Quasi, appunto: perché la Salernitana reagisce e costruisce l’ennesima rimonta, facendo il 3 a 3 e sfiorando la vittoria nonostante l’inferiorità numerica.

Il festival del goal, al Manuzzi, comincia subito: dopo tre giri di lancette cross dalla sinistra in area granata dove Alex, che non è propriamente un centrale, lascia completamente solo Kupisz, colpo di testa e goal. 1 a 0 per il Cesena che al 6′ sfiora pure il raddoppio con Kone. Nei primi 15′ sono i padroni di casa a fare la partita, poi i granata vengono fuori.

15′, colpo di testa di Bocalon e pallone alto; 17′, tiro di Minala dal limite, para Agliardi. Nel momento migliore della Salernitana, il Cesena fa 2 a 0: 21′, gran destro di Kone dalla distanza, un tiro di rara precisione sul quale Adamonis non riesce a intervenire. Passano pochi minuti e la Salernitana accorcia le distanze: cross dalla destra di Gatto, colpo di testa di Bocalon, Agliardi respinge e Rodriguez si avventa sul pallone, realizzando un goal di rapina così come era stato contro l’Avellino. 

I granata ci provano: 29′ destro di Ricci, fuori; 33′ cross di Ricci, colpo di testa di Bocalon, para Agliardi; 35′, dopo un tentativo di Kone per il Cesena (para Adamonis) ci prova ancora Ricci per la Salernitana, para Agliardi. Al 42′ finisce fuori un colpo di testa di Kupisz. Si chiude sul 2 a 1 per il Cesena un bel primo tempo.

Nella ripresa la Salernitana al 18′ fallisce clamorosamente il pallone del 2 a 2: Bocalon, a porta vuota, servito da Rossi (entrato al posto di Rodriguez) deve solamente spingere il pallone in rete ma va troppo molle sulla sfera e il suo tocco finisce incredibilmente fuori. Sarebbe stato, davvero, meno difficile far goal che sbagliarlo in questo modo. Passano tre minuti e il Cesena fa il 3 a 1: Laribi entra in area e mette in mezzo, Pucino devia sfortunatamente nella propria porta. La Salernitana resta poi in dieci per l’espulsione per somma di ammonizioni di Gatto.

Al 26′, però, i granata riaprono la partita: cross dalla destra di Di Roberto (subentrato a Minala), colpo di testa di Bocalon, Agliardi respinge, la difesa non libera e lo stesso Bocalon si avventa sul pallone e accorcia le distanze. Al 33′ il pareggio: punizione di Ricci ed è 3 a 3. Nonostante l’uomo in meno la Salernitana confeziona una nuova rimonta.

Nel finale ci provano Rossi e Rizzo per la Salernitana, Kone due volte per il Cesena mentre Pucino si riscatta dall’autorete togliendo il pallone dai piedi di un avversario ormai lanciato a rete. Finisce 3 a 3, i granata escono tra gli applausi delle centinaia di sostenitori in trasferta allo stadio Manuzzi. Domenica prossima, allo stadio Arechi, i granata ospiteranno la Cremonese.

Lascia un Commento