CAMPANIA – Regionali, Berlusconi lancia candidato esterno. Due papabili nel centrosinistra

Sfumata la candidatura del sottosegretario Nicola Cosentino alle regionali campane, ora il Pdl, come dichiarato dal premier Berlusconi, punta su un esterno alla politica, scelto nella società civile. L’indicazione del candidato governatore è arrivata poche ore dopo il doppio no della Camera all’arresto ed alla sfiducia nei confronti di Cosentino, coordinatore regionale del partito. Il presidente del Consiglio ha parlato di sorprese nella scelta del candidato incontrando i giovani del Ppe in una sala d’albergo a Bruxelles. Le parole di Berlusconi riaprono dunque il toto-candidato. Tre i nomi che in questo momento avanzano, ma non si esclude qualche altra possibilità legata proprio al fattore sorpresa cui ha accennato il presidente del Consiglio. Si ritorna, ad esempio, a parlare di Gianni Lettieri, presidente degli industriali napoletani. Un altro esterno alla politica di cui si è vociferato negli ultimi tempi è Arcibaldo Miller, capo degli ispettori del ministero della Giustizia. Guido Bertolaso, capo del Dipartimento della Protezione civile e sottosegretario, ha già detto di non volersi impegnare direttamente in politica, ma nulla può escludere una sua eventuale candidatura alla guida della Regione Campania.

Nel centrosinistra, invece, appaiono due al momento le candidature in campo, anche se chiarezza maggiore arriverà dalle primarie annunciate dal Pd. Si parla, ad esempio, dell’assessore regionale Ennio Cascetta che porterebbe in campagna elettorale quelli che il governatore della Campania, Bassolino, ha sempre vantato come grandi successi ottenuti nel campo dei trasporti. E poi del sindaco Vincenzo De Luca, pronto a trasferire quello che considera il modello Salerno, su scala regionale. Anche in questo campo, però, non si escludono sorprese.

Lascia un Commento