Baronissi (SA) – Si è insediato questa mattina il Consiglio Comunale

Prima riunione, questa mattina, per la massima assise cittadina. In apertura, il sindaco di Baronissi Giovanni Moscatiello ha giurato fedeltà alla Costituzione al cospetto della città prima di leggere il suo primo intervento in consiglio comunale:  «Voglio dire grazie ai cittadini per l’alto senso civico con il quale hanno partecipato alle ultime consultazioni – ha detto – un grazie che va anche a chi non ha votato per me e per la mia squadra perché rispetto chi non la pensa come me. Dovere e rispetto saranno, infatti, le coordinate che ispireranno il mio mandato e quello di questa amministrazione: avremo il dovere di rispondere alle domande di tutti i cittadini; il dovere di ascoltare e prospettare soluzioni senza alcuna distinzione di appartenenza. Come diceva un grande poeta, “i fatti sono recipienti che prendono la forma dei sentimenti che li contiene”, ed il sentimento sarà una componente imprescindibile del nostro lavoro. Anche quando un viale sarà illuminato con nuovo lampioni. Dedicherò ogni giorno ed ogni ora che mi sarà possibile alla missione di cui sono stato investito dal popolo. Preparatevi – ha concluso il sindaco rivolgendosi alla città – ad un viaggio lungo ed affascinante su questo treno che non lascerà nessuno, da solo, fermo alla stazione».

Il primo cittadino ha voluto ricordare la figura dell’ex sindaco di Salerno Vincenzo Giordano, recentemente scomparso, e quella di Maurizio Valenzi, ex sindaco di Napoli anch’egli scomparso alcuni giorni fa. Moscatiello ha altresì voluto menzionare la lettera, la prima ad aver ricevuto in quest’inizio di consiliatura, da parte di una bimba di 5 anni, Carmen Gallo, nella quale scrive: “Caro sindaco, le auguro di essere forte e pieno di speranza”. Alla piccola, Giovanni Moscatiello e l’amministrazione ha voluto esprimere vivo apprezzamento ed un forte applauso.

PRESIDENTE DEL CONSIGLIO E GIUNTA. Nel corso della seduta si è proceduti alla elezione del presidente del Consiglio. Ad essere investito della prestigiosa carica è stato Giovanni Landi. Il sindaco, inoltre, ha illustrato ai presenti la composizione della giunta e rispettive deleghe: Anna Petta (politiche giovanili e rapporti con gli altri enti ed istituzioni); Nicola Lombardi (cultura, trasparenza amministrativa e politiche attive per la diffusione della cultura della legalità); Serafino De Salvo (attività produttive, politiche sociali e contenzioso); Alfonso Farina (ambiente, coordinamento progetti di salvaguardia dell’assetto idrogeologico, controllo sulla efficacia/efficienza dei servizi pubblici); Edmondo Cosimato (lavori pubblici, impianti tecnologici, coordinamento delle politiche di sviluppo di impianti per la produzione di fonti energetiche alternative); Sabatino Ingino (decoro urbano, urbanistica e politiche della casa); Vincenzo Melchiorre (programmazione economica e finanziaria, finanze e tributi, vigilanza sulle società partecipate dell’Ente Comune, programma speciale “Lotta alla povertà” in collaborazione con gli Istituti di Credito, ottimizzazione della gestione degli impianti comunali affidati alle associazioni).  

CAPOGRUPPO DI MAGGIORANZA. Il gruppo unico di maggioranza “Impegno Civico” ha indicato come capogruppo il consigliere comunale Antonio Rocco.

INCARICHI “SPECIALI” AI CONSIGLIERI. Il sindaco, nel corso del consiglio comunale, ha inteso consegnare nelle mani dei consiglieri di maggioranza una sorta di “incarico speciale” o delega per coinvolgere appieno l’intera squadra di governo nei diversi settori di intervento programmatico: Antonio Rocco (progetti in sinergia con la facoltà di Medicina); Enrico Rocco (profilo dell’organizzazione aziendale nella P.A.); Angelo Napoli (rapporti con il mondo della Scuola); Luca Pierri (rapporti con il mondo del volontariato); Antonio D’Auria (trasporti su gomma e su ferro); Loretta De Sio (rapporti con il mondo dell’associazionismo); Tonino D’Auria (igiene urbana); Antonio Di Filippi (servizi sanitari); Carlo Santoro (rapporti con le frazioni, progetti legati al recupero e valorizzazione delle tradizioni storiche); Eugenio Sabatino (tutela dell’infanzia); Gennaro Rocco (valorizzazione dei prodotti agricoli del territorio).

Lascia un Commento