Agropoli (SA) – Acqua gialla. Nessun risarcimento per i cittadini

Non ci sarà alcun risarcimento per i cittadini di Agropoli, da parte del comune, in relazione alla vicenda dell’acqua gialla, avvenuta nell’estate del 2002. In quell’occasione, il comune di Agropoli decise usufruire dell’acqua della diga del fiume Alento per far fronte ad una improvvisa carenza idrica. L’acqua però, per alcuni giorni presentò un colorito giallastro, e centinaia di residenti fecero richiesta di risarcimento al Comune. La richiesta fu accolta dal giudice di pace condannò l’amministrazione a risarcire i cittadini con somme dai 200 ai 400 euro. Recentemente, però, il Tribunale di Vallo della Lucania aveva ribaltato la decisione del giudice di pace, accogliendo il ricorso presentato dal comune di Agropoli. Ed ora, è giunta la sentenza della Cassazione la quale ha stabilito che non ci sarà alcun risarcimento.

Lascia un Commento